Il ritorno del fascismo è un dato di fatto.
Si sono introdotti impunemente e nuovamente nel governo, nei giornali, nella radio, nell’editoria,
nei cinematografi.
Cero il ritorno del fascismo come quello del Littorio sarà impossibile. Negli anni 20 erano arrivati
per conto dei capitalisti, del Vaticano e della monarchia. Sono riapparsi, già tristemente ricordati
dai tempi dell’antica Roma, del risorgimento,dalle famose milizie nere, nelle guerre civili; l’estinzione
è lunga da avverarsi.
Si sono notati improntando il loro " motus proprio" con autoritarismo, impadronendosi di tutto.
Si sono improvvisati buonisti, sotto mentite spoglie, attuando un programma che per il loro stato
sociale e la loro idieologia  non confà alle loro aspettative. Hanno rubato agli antifascisti
il mestiere dell’attivismo e del populismo come di recente è stato attuato dal segretario di A.N.
 Gianfranco Fini e del sindaco di Roma di area AN Alemanno.
Il loro servilismo ha radici lontane e vige tutt’ora una nuova forma di servilismo smisurato nel confronti
del più forte.
 
Pino Cerasa