Civo, il sindaco ordina lo sgombero delle case minacciate dalla frana

Il sindaco di Civo, Massimo Chistolini, ha disposto con un’ordinanza lo sgombero dei fabbricati e delle abitazioni nella zona di Caspano.

La decisone è giunta dopo la relazione geologica effettuata dallo Studio GEO3 di Sondrio dopo il sopralluogo effettuato in data 27 marzo, dalla quale è emrsa una situazione di dissesto a monte dell’abitato di Caspano, con presenza di blocchi rocciosi instabili, che pregiudicano l’accesso e l’utilizzo di alcuni fabbricati.

                                   ORDINANZA COMUNALE PER SGOMBERO FABBRICATI

                                                                       COMUNE DI CIVO
                                                                  (Provincia di Sondrio)
COMUNE DI CIVO – Fraz. Serone, 65 23010 Civo (SO) tel. 0342/650073 – fax 0342/659564 – info@comune.civo.so.it
N° 12/2013 Reg. Ordinanze Civo, lì 28.03.2013
                                           

                                            ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE di
                                            SGOMBERO FABBRICATI A TUTELA DELLA
                                            PUBBLICA INCOLUMITA’

(ai sensi dell’art. 54 del D.L.vo n° 267 del 18.08.2000)
                                                               

                                                                       I L  S I N D A C O

Visto l’art. 15 della Legge del 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l’art. 108, lettera c, del D.Lgs 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il D.L. 7 settembre 2001, n. 343, convertito con modificazioni dalla Legge 9 novembre
2001, n. 401;
Visto l’art. 50 comma 5 e 54 comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267;
Vista la relazione geologica effettuata dallo Studio GEO3 di Grossi Danilo e Conforto
Gaetano di Sondrio in data 27.03.2013, dalla quale risulta una situazione di dissesto
territoriale a monte dell’abitato di Caspano, con presenza di strati rocciosi instabili, che
pregiudicano l’accesso e l’utilizzo dei fabbricati fg. 21 mappali 453 e 454 in quanto non è
garantita la sicurezza e l’incolumità dei proprietari;
Considerato che si rende necessario porre in essere, in termini di pronto intervento ogni
azione utile per la programmazione ed esecuzione degli interventi finalizzati a ricondurre lo
stato di sicurezza dei luoghi a tutela della sicurezza pubblica e dei proprietari dei fabbricati
direttamente interessati e a rischio;
Rilevato che in conseguenza dell’evento franoso su descritto che ha colpito il territorio
comunale di Civo in frazione Caspano si rende indifferibile ed urgente provvedere allo
sgombero dei fabbricati e delle abitazioni sotto riportati:
Proprietari Fg. Mappale

GOSPARINI DANTE               FG 21   MAPP. 454
BRADANINI ANNA  

ALISSI EUGENIA                   FG21     MAPP. 453
BIANCHINI GABRIELE
PAPINI RENATA
MAZZOLA CLEMENTINA
                                                                   COMUNE DI CIVO
                                                             (Provincia di Sondrio)
                                                                     COMUNE DI CIVO –

Fraz. Serone, 65 23010 Civo (SO) tel. 0342/650073 – fax 0342/659564 – info@comune.civo.so.it
                                                             

                                                                                   O R D I N A

– lo sgombero immediato e il divieto di accesso ed utilizzo dei fabbricati ai soggetti
sopra indicati;
– di notificare agli interessati la presente ordinanza mediante notifica diretta o,
nell’impossibilità, mediante pubblicazione a termini di Legge;
– agli ufficiali ed agenti di polizia ed al personale tecnico del Comune al fine di dare
ecuzione in ogni sua parte alla presente ordinanza;
– La presente Ordinanza viene resa pubblica mediante inserimento nell’Albo on line del
comune di Civo e trasmessa agli enti ed istituzioni interessati;
********
Contro la presente Ordinanza sono ammissibili:
1) ricorso al Prefetto, entro 30 gg , ovvero
2) ricorso al T.A.R. della Regione, entro 60 gg, ovvero
3) ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 gg
tutti decorrenti dalla data di notificazione o della piena conoscenza del presente provvedimento.
                                                                                             

                                                                                         IL SINDACO
                                                                     (f.to Massimo dott. Chistolini)

Annunci