Riunione del 18 marzo

Post n°286 pubblicato il 19 Marzo 2015 da centocellestorica

Sono presenti alcuni cittadini che hanno raccolto l’invito domenica mattina.

Complessivamente: Fiorella C., Bruno P., Giovanni S., Pino C., Anna Maria A., Giacomo D.F., Bruno L., Maurizio R., Carlo C., Giovanni, Silvio B.

E’ presente anche il sig. Simone che scrive sul giornale “La Fiera dell’EST”.

In premessa Pino C., appunto, ha dato il benvenuto al nostro ospite Simone e alle persone che hanno raccolto l’invito a partecipare alla nostra riunione.

Ha riassunto i risultati finora raggiunti delle raccolte di firme che abbiamo avviato: oltre 1.700 per il centro culturale, 400 per il chiosco di piazza dei Mirti, 200 per le tematiche AMA. A queste si aggiungeranno quelle che alcuni cittadini stanno acquisendo nei luoghi di lavoro, in maniera complementare rispetto all’organizzazione posta in essere.

Su questi temi si è pronunciata Anna Maria A. che ha sottolineato come la manutenzione e il degrado siano oramai a livelli molto alti, citando come esempio (tra altri) i pezzi di tronchi lasciati sui marciapiedi, quando vengono recisi gli alberi ritenuti pericolosi. Situazione particolarmente pesante da affrontare per i disabili, che spesso non possono passare, o possono inciampare nelle radici superficiali che rendono disagevoli i marciapiedi.

Tra questi, in particolare, il grande tronco su via dei Glicini, nei pressi dell’incrocio con via dei Frassini.

Evidenzia anche, per quanto attiene le prestazioni dell’AMA, che i cassonetti di raccolta dei rifiuti sono sporchi e che l’estate si dovrebbe procedere ad una disinfezione più frequente ed accurata.

L’argomento ha dato la possibilità di accennare, a più voci, al tema della raccolta dei rifiuti porta a porta.

Pino C. ha fatto presente che sarà bene provvedere, in merito al disservizio dell’AMA, ad un monitoraggio diffuso per documentare, all’assessore capitolino Estella Marino in un incontro che vorremmo programmare a breve, i principali elementi di disagio.

Bruno L. si fa portavoce della possibile incompletezza della nostra attività di monitoraggio. Gli risponde Anna Maria A. dicendo che bisogna pur cominciare a fare qualcosa, e la maggioranza dei presenti acconsente su questa seconda visione delle cose…

Prende la parola Bruno P. lamentandosi del testo adottato per la raccolta di firme sul tema AMA, a dir suo troppo breve nell’enunciato e troppo rispettoso nei termini utilizzati, e pertanto ritiene di non aver più motivi sufficienti per frequentare il nostro Comitato.

Al riguardo, il Presidente, dopo aver fatto presente che non sono stati prodotti dal contestatore e da eventuali sostenitori non presenti testi ritenuti più opportuni, che l’educazione è un presupposto del comportamento e del modo di presentarsi della nostra Associazione e che nessuna parte di quanto discusso il mercoledì precedente era omessa, ha preso atto della decisione dichiarata, salutando la persona che nel frattempo si era alzata per uscire.

Cordiali Saluti!

La discussione è proseguita illustrando al sig. Simone le motivazioni e gli argomenti che sono alla base della nostra proposta di Centro Culturale.

Noi pensiamo che in un quartiere popoloso come Centocelle non possano mancare una biblioteca, un museo (inteso anche come centro documentale ed espositivo dei beni archeologici rinvenuti sul nostro territorio), un centro di sviluppo della conoscenza, in cui trattare di arte, scultura, e dare seguito a forme di socializzazione.

E’ stato pertanto fatto presente il disagio dei cittadini per la mancata realizzazione del parco archeologico di Centocelle, che comporta la perdita delle offerte di lavoro pregiato che il parco porta con sè (archeologi, lavoranti specializzati, custodi) e il relativo indotto economico.

Carlo C., infine, dopo aver esposto ulteriori considerazioni sull’episodio della mancata condivisione di Bruno P. al documento redatto evidenziando anch’egli la totale assenza di partecipazione alla scrittura, ha srotolato lo striscione col logo del nostro CDQ che ha fatto realizzare ed ha esposto i fratini, anche questi personalizzati.

Soo passate le ore 19.00, possiamo chiudere l’Assemblea!

Annunci