V Municipio: consegnate in Consiglio le 3954 firme raccolte dal CdQ Centocelle Storica

A sostegno di tre richieste riguardanti: istituzione di un Polo culturale, collocazione del chiosco bar di piazza dei Mirti, disservizi Ama
Alessandro Moriconi – 5 giugno 2015

I rappresentanti del CdQ Centocelle Storica hanno consegnato al Consiglio del Municipio Roma 5 le 3.964 firme raccolte su tre proposte di interesse del territoriale.
Lo hanno fatto durante la seduta del 4 giugno 2015, convocata con all’OdG l’espressione di un parere (peraltro NON vincolante ) sulla proposta di Deliberazione n° 15/2015 (di iniziativa della IX Commissione Permanente Capitolina) riguardante integrazioni e modifiche alla Delibera del Consiglio Comunale n° 36 del 6.2.2006 sulla  “Disciplina di Tutela e Riqualificazione delle Attività Commerciali e Artigianali nel perimetro della Città Storica”, una Delibera peraltro già modificata il 7.10.2009 con la Delibera del C.C. n° 86.

Dopo la verifica del numero legale dei consiglieri presenti, il presidente del Consiglio Antonio Pietrosanti ha dato il via ai lavori, dando la parola ai rappresentanti del CdQ Centocelle Storica.

In assenza del presidente Silvio Bruno, è toccato a Pino Cerasa relazionare sulle tre richieste sottoposte alla condivisione dei residente del Quartiere di Centocelle. Il Sig. Cerasa si è soffermato sul fatto tra l’altro non secondario, che le firme in calce alle proposte sono state raccolte dagli iscritti al Comitati di Quartiere in pochissime uscite di poche ore ciascuna e che ben 2.088 sono quelle a sostegno di un Polo Culturale collocabile nei Locali della Scuola Elementare Fausto Cecconi che tra l’altro ospita già la sede provvisoria del CdQ, quella dell’ANPI e quella del Polo Archeologico del Parco di Centocelle. Un Polo Culturale a cui potrebbe essere accompagnata anche una Biblioteca che godrebbe della donazione da parte dell’Associazione Onlus “Un Mondo Migliore” di ben 16.000 volumi e oltre 1.000 Audiovisivi.

PiazzaMirti1La seconda richiesta, ha detto il portavoce del CdQ, riguarda la collocazione del Chiosco Bar di piazza dei Mirti, quello che un tempo stava accanto all’entrata della Scuola Materna Elementare Renzo Pezzani e spostato, a causa dei lavori per la fermata della Metro C,sul lato che da su via dei Narcisi e che adesso qualcuno vorrebbe piazzare nel bel centro dell’immensa rotatoria che ospita oltre il blocco dell’ascensore e le scale di accesso alla stazione, anche numerosi volumi tecnici, una scelta che di fatto limiterebbe lo spazio utilizzabile alla socializzazione e che, cosa non secondaria, toglierebbe una visuale che attualmente consente di vedere la storica facciata della Chiesa di S. Felice da Cantalice. Questa richiesta è stata sottoscritta da 1.632 cittadini.

L’ultima petizione, quella sul degrado e sul pessimo servizio erogato da Ama Spa, ha raccolto solo 234 firme, poiché – ha detto il sig. Cerasa – il Comitato si è fermato in quanto nel frattempo, insieme all’esplosione di Mafia Capitale e degli arresti avvenuti, arrivarono da parte dell’assessore all’Ambiente Estella Marino assicurazioni circa un ormai prossimo nuovo Contratto di Servizio, in sostituzione di quello scaduto fin dal 2011 e risalente nientemeno che al 2004.

Intanto, in attesa di risposte da parte del Consiglio Municipale e della Giunta Palmieri per quanto di propria competenza, il CdQ è pronto a nuove iniziative, come la raccolta di firme per ottimizzare l’accesso al Parco Archeologico di Centocelle, il trasferimento in aree idonei dei Rottamatori e i lavori del 2° lotto che per il momento hanno solo prodotto l’allontanamento degli Aeromodellisti e su cui pende un ricorso al TAR la cui discussione è prevista per il 17 Giugno.

Annunci