L’ormone dello sport non è una leggenda: è nel nostro sangue e ci fa dimagrire

 

Si chiama ‘irisina’. Individuata nel 2012 nei topi, sembrava un falso mito, ma ora i ricercatori di Harvard l’hanno trovata anche nell’uomo, scoprendo che brucia i grassi e che aumenta decisamente in chi svolge attività fisica. La scoperta pubblicata su Cell Metabolism

L’ormone dello sport non è una leggenda: è nel nostro sangue e ci fa dimagrire

I ricercatori hanno trovato l’irisina nel sangue umano. Gli sportivi ne hanno di più
LA SUA SCOPERTA, pubblicata su Nature nel 2012, fece il giro del mondo. L’individuazione nei muscoli scheletrici dei topi di una proteina, l’ormone ‘irisina’, che aumentava con l’esercizio le valse il soprannome di ‘ormone dello sport’ perché in grado di accelerare il metabolismo e portare benefici al peso forma ma anche al cervello e al cuore. Sostenevano i suoi scopritori all’epoca: “L’irisina agisce sulle cellule adipose convertendole in grasso bruno, che funziona da deposito ma ha anche la capacità di bruciare i grassi per trasformarli in calore. L’incremento dell’irisina nel sangue comporta una accelerazione del metabolismo di per sè, anche senza svolgere attività fisica. Dall’ormone potrebbero derivare nuove terapie per le patologie metaboliche come il diabete e l’obesità”.

L’osservazione era dei ricercatori della Harvard Medical school di Boston della Harvard University, ma l’esistenza dell’irisina nell’uomo fu messa in dubbio perché l’indagine, svolta sui topolini di laboratorio, era stata fatta con metodi inadatti a cercarla nell’uomo. Ora però gli stessi ricercatori che la scoprirono nei topi l’hanno individuata nel sangue umano. La scoperta è pubblicata oggi su Cell Metabolism.

LEGGI I brividi fanno dimagrire, un effetto simile all’attività fisica

Gli studiosi l’hanno trovata in un campione di 10 persone, di 25 anni di età, di cui 6 sottoposte ad attività fisica intensiva di tipo aerobico, ovvero cyclette, passeggiate e tapis-roulant 3 volte alla settimana e per 12 settimane, e 4 invece sedentarie. “Abbiamo scoperto che l’irisina circola in minime quantità, pari a 3,6 nanogrammi per ml, nel plasma degli individui sedentari. Invece nei soggetti sportivi il livello aumenta in modo sensibile, cioè 4,3 nanogrammi per ml. I dati attuali dimostrano quindi in modo inequivocabile che l’irisina esiste anche nell’uomo, circola nel sangue ed è regolata dall’esercizio”, spiega Mark Jedrychowski, primo autore dello studio. “Sebbene l’irisina circoli a livelli molto bassi, questo intervallo è paragonabile a quello di molti altri importanti ormoni biologici come l’insulina”, aggiunge lo studioso.

Nello studio i ricercatori hanno usato una spettrometria di massa di tipo quantitativo e migliorato il sistema di analisi dei geni umani implicati nella sua produzione rispetto allo studio precedente. “Il metodo usato oggi per misurare l’ormone è senza dubbio più preciso – sottolineano gli autori – .La scoperta dell’irisina nel 2012 è stata emozionante perché avevamo trovato un motivo per cui l’esercizio ci mantiene sani. Quando i livelli di irisina aumentavano nei topolini il metabolismo accelerava con benefici anche per cuore e cervello”. Il passo verso una pillola che permetta di avere gli stessi benefici dello sport senza muoversi dal divano si fanno ora più concreti?