E’ una grafica fuori dal normale.
Un mosaico di una struttura alquanto originale, con posa di sassi squadrati in ordine simmetrico che riproduce un serciato formato da tre file di granito che indica un piccolo viale  che conduce all’entrata dell’oratorio; mentre sul lato sinistro una forma geometrica con sassi allineati in perfetto ordine all’interno del quale vi è disegnato un piccolo centro squadrato perfettamente delimitato da quattro segmenti che dividono il manufatto.Da un rilievo effettuato  si può ipotizzare che tale figura geometrica rappresenti il cento della Chiesa e/o il centro che segna, visto la sua posizione, posto di osservazione per una meridiana, ora non più visibile, che era situata  sulla facciata sinistra dell’oratorio. Tale struttura, a mio avviso, fu realizzata nel secolo XIX. Da notare la parte superiore dell’oratorio con lo stemma dei fratelli Bonesi (Giovanni – Carlo – Giacomo) datata 1750 circa si può dedurre che la pavimentazione potrebbe essere eseguita verso la fine del XVIII secolo e del XIX secolo
Grazie all’impegno di alcuni volontari si è potuto ammirare un capolavoro di ingegneria artigianale svolta dai nostri avi.

Annunci