Archive for settembre, 2018


 

 

 

 

Gentilissimi Assessori
Nella riunione odierna del cdq Centocelle Storica alcuni cittadini residenti in via dei Bucaneve hanno segnalato l’esistenza di una piccola, benché insidiosa, voragine attualmente recintata, che comunque impedisce l’accesso carrabile al proprietario.
Inoltre abbiamo notato l’insorgere di un’altra possibile voragine sulla strada, nei pressi di un tombino, in prossimità di piazza delle Primule.
I cittadini hanno voluto sottolineare una proficua novità consistente nell’installazione di una fontanella in piazza delle Primule
Cordiali saluti.
Silvio Bruno
N.B.: indirizzata agli assessori competenti.

Annunci

 

 

 

                                                                 PONTE NEL CIELO

Ponte nel cielo, in fila per sognare 

Taglio del nastro a Tartano: in 500 hanno voluto provare l’emozionante traversata – Un’opera da record

Renato Bertolini: «Sembrava una idea pazza e invece è nuova linfa per il rilancio turistico di questa vallata»

Sono stati gli anziani e i bambini della piccola scuola di Tartano a tagliare il nastro del Ponte nel Cielo che collega Campo Tartano alla località Frasnino, prima raggiungibile soltanto con una faticosa discesa e risalita sul versante opposto attraversando il torrente Tartano. Un’opera funzionale a raggiungere i 10 maggenghi e 2 alpeggi ma anche un punto di partenza per la rinascita turistica della valle, ideata, voluta e concretamente sostenuta prima di tutto dal Consorzio Pustaresc di miglioramento fondiario, costituito nel 2000 da 33 soci.
La passerella è larga un metro, si sviluppa su 234 metri di lunghezza e detiene il record europeo di altezza essendo sospesa a 140 metri sopra il torrente Tartano. 
«L’idea è nata nell’estate del 2016 – ha raccontato il presidente del Consorzio, Renato Bertolini– nell’estate 2017 abbiamo ottenuto tutte le autorizzazioni e nella scorsa estate abbiamo realizzato i lavori che oggi inauguriamo con il primo passaggio sul ponte tibetano da cui si domina la Val Tartano, il maggengo di Frasnino, il Disgrazia e la Bassa Valtellina fino al Lago di Como. Con il Comune di Tartano e la Comunità montana stiamo lavorando per il recupero dei centri storici delle nostre contrade e con il Parco delle Orobie la prossima estate partiranno i lavori per il recupero dei pascoli. Abbiamo ricevuto il sostegno delle istituzioni, compresa la fondazione Cariplo che ha creduto a questa che sembrava un’idea pazza, ma abbiamo anche trovato il sostegno di 500 che hanno donato un asse di larice per il ponte. I “grazie” da dire sono tanti e vanno dai tecnici agli amministratori, l’impresa Htb che ha realizzato i lavori, tutti quelli che hanno sostenuto anche economicamente l’iniziativa. Il ringraziamento più importante va ai 200 che con coraggio continuano ad abitare la Val Tartano e a mantenerla così come oggi la possiamo mostrare a tutti». 
«Fin dalle prime bozze di progetto abbiamo riconosciuto il valore che questa passerella ha per il richiamo turistico e le ricadute economiche sulla valle – ha sottolineato il sindaco Oscar Barbetta -. Gli uffici comunali hanno seguito e sostenuto l’intero iter rilasciando in un anno il permesso di costruire. Ci ha creduto anche la Comunità montana che saputo dell’idea si è fatta avanti per prima per sostenerne il finanziamento. Tartano è stato il primo dei Comuni del mandamento ad ottenere il contributo a fondo perso sul bando per l’attrattività della montagna proprio per il valore di questa iniziativa. L’auspicio è che questa sia una ripartenza per il nostro paese, per le attività locali e per i giovani».

 

ENNESIMA VITTORIA DELLA NOSTRA CAMPIONESSA ROBERTA CIAPPINI

                              Marmitte dei Giaganti

In una giornata calda e soliva e un pubblico numeroso (visto che era in concomitanza con la Sagra dei Crotti), con la regia del GP.Valchiavenna è andata in scena sullo storico percorso nel parco “Marmitte dei Giganti”, da cui la manifestazione prende il nome, un’edizione con minor numero di staffette rispetto all’anno scorso forse anche per le numerose concomitanze di altre manifestazioni in provincia e fuori.

Nella prova femminile la morbegnese ROBERTA CIAPPINI tesserata per La Recastello Radici Group domina la gara con il tempo di 25’53”, al secondo posto si piazza la junior Molteni Cristina del GP.Valchiavenna con 28’08” e chiude al terzo posto Asparini Sara del Csi Morbegno in 28’25”.

 

                                                               POLENTA

 E’ una pietanza ricca di un gusto particolare, base della dieta per le persone di montagna.

Ancor ’oggi se apprezza la bontà di questo insieme di farina di granturco e/o grano saraceno,acqua e sale. Piatto solitamente molto semplice e tradizionalmente molto gradito alla popolazione montana.

 CEVO NE E’ UNA TESTIMONIANZA.

 Con questo non andiamo solo a trascrivere la pietanza, ma qualcosa che riguarda il mondo antico e il vivere delle genti di montagna.

Simbiosi con questa pietanza, vera scuola di nutrizione che ha svezzato e cresciuto persone di un’altra epoca.

 

 

 

L’aquila reale è il rapace più grande presente nelle montagne lecchesi. L’adulto ha un piumaggio uniformemente bruno, con capo fulvo-dorato, e un’apertura alare che può arrivare fino ai 2,4 metri. Può arrivare a pesare anche sette chilogrammi. Le femmine di aquila reale sono sensibilmente più grandi dei maschi.
L’aquila reale si nutre soprattutto di mammiferi di varie dimensioni e uccelli, in certi casi anche di rettili. La zampa ha le caratteristiche tipiche dei rapaci, con dita brevi e grandi artigli. Caccia all’agguato e in volo, ferendo e afferrando le prede con gli artigli e il forte becco, cogliendole di sorpresa.
Può vivere fino a 30 anni. La femmina depone generalmente due uova e spesso sopravvive solo un aquilotto.

HABITAT
La specie è diffusa fino ai 2300 metri e necessita di ampi territori per nidificare e per cacciare. Specie territoriale, forma coppie stabili e nidifica più in basso rispetto ai territori di caccia, in modo da facilitarsi il trasporto della preda a valle e non a monte. Si tiene lontana dalle zone troppo boscose o antropizzate.

FESTA OVER 65

Il Giorno 11 Agosto 2018 presso il campo sportivo di Cevo si è svolta la seconda edizione OVER 65 con un notevole numero di partecipanti.
Si è avuta l’impressione di assistere ad una meravigliosa girandola di persone piene di verve che comunicano, nonostante la non più giovane età, il loro rigoglioso approccio alla vita.
Vederli colloquiare, ridere, scherzare, cantare a squarcia gola, danno modo di far rivivere i loro tempi migliori, riportandoli alle reale vita dei giorni d’oggi.
Si può affermare che questa descritta terza età sia una vivace e scanzonata interpretazione della vita.

Premio “Mario Caldaro”. La scadenza è il 10 settembre

Riservato a persone singole, gruppi e Associazioni che si sono distinti per l’impegno sociale nello sport e nella mobilità sostenibile, in particolare promuovendo l’uso della bicicletta

 

In occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2018, il Municipio Roma V il 16 settembre premia persone singole, gruppi e Associazioni che si sono distinti sul territorio per l’impegno sociale nel settore sportivo e della mobilità sostenibile, in particolare promuovendo l’uso della bicicletta negli spostamenti di ogni giorno.

Ai primi tre classificati cofanetti regalo per soggiorni di turismo sostenibile.

I partecipanti dovranno fare pervenire all’Ufficio Protocollo del Municipio Roma V entro le ore 12,00 di lunedì 10 settembrerelazioni, elaborati e materiali di comunicazione atti a illustrare i progetti già realizzati con i quali intendono partecipare.

Per informazioni dettagliate è possibile consultare l’Avviso Pubblico sul sito istituzionale del Municipio Roma V.

 

IL RESORT CHE NON TI ASPETTI