Bollo auto, cosa cambia davvero dal 1° gennaio 2020

Bollo auto, ecco cosa cambia davvero dal 1° gennaio 2020
Con il sistema PagoPa i contribuenti avranno a disposizione una miriade di canali per pagare l’imposta. E anche le agenzie di pratiche auto continueranno ad offrire il servizio

Dal primo gennaio del prossimo anno sarà obbligatorio pagare il bollo auto con la piattaforma pagoPa. Ciò non significa però che il pagamento andrà effettuato necessariamente on line. Tutt’altro. Con il sistema PagoPa è infatti possibile effettuare pagamenti sia sul sito o sull’App di PagoPa sia presso banche, uffici postali o sportelli ATM abilitati, nonché presso i punti vendita di SISAL, Lottomatica e Banca 5. È inoltre possibile utliizzzare l’home banking della propria banca (dove ci sono i loghi CBILL o pagoPA).
Bollo auto e PagoPa, le agenzie di pratiche auto si adeguano
Neppure chi è solito rivolgersi alle agenzie di pratiche auto dovrà cambiare le proprie abitudini. Come spiega ad Askanews Luca Andreoli, amministratore delegato di Sermetra Holding, nelle agenzie di pratiche auto il bollo si paga da diversi anni, e ora, “ovviamente ci siamo adeguati. Noi di siamo un polo tecnologico che sviluppa questi servizi informatici, e anche oppportunità pagare con sistemi evoluti e quindi prima ancora che fosse un obbligo eravamo già partiti. Dal primo gennaio 2019 diamo l’opportunità alle 2mila agenzie di pagare sulla piattaforma Pago Pa”.
Secondo Andreoli, sarà sufficiente fornire la targa e “l’agenzia di pratiche auto si interfaccerà con il sistema grazie ai nostri software di PagoPa e il cittadino avrà una quietenza liberatoria, quindi nessuno potrà più chiedere quei quattrini”.
Pagamento bollo auto, quanto costano le commissioni?
L’agenzia peraltro è “un consulente, quindi è possibile chiedere anche consigli sulla scadenza della patente, sulla normativa antinquinamento e quell’insieme di cose che interessano tutti noi automobilisti”. E le commissioni? Andreoli assicura che sono sullo stesso ordine di grandezza delle altre istituzioni presso le quali è possibile effettuare i pagamenti: “Normalmente – ha spiegato – sono tariffe che stanno tra l’euro e i due euro e cinquanta, si arriva raramente a superare i tre euro”. Differenze di poche decine di centesimi, in cambio di un contenuto consulenziale che “fa la differenza”.

La tabella di PagoPa
La tabella in basso, pubblicata sul sito di PagoPa, mostra i costi delle commissioni per il pagamento dei tributi prima e dopo l’introduzione del nuovo sistema.
*Canali di pagamento*
*Commissioni prima di pagoPA*
*con pagoPA*
*Note*

Home Banking/CBILL
Variabili in base al rapporto Banca-Cliente e in base alla Banca scelta
Variabili, a partire da zero, in base al rapporto Banca-Cliente

Agenzie Bancarie e ATM [1]
A partire da 2 Euro e dipendenti dalla Banca. Non disponibile in tutti gli Istituti
A partire da 1,30 Euro dipendenti dalla Banca scelta. Servizio disponibile presso tutti i PSP aderenti a pagoPA.

Sito della PA/Comune
Non sempre il servizio era disponibile. Quando disponibile le commissioni erano imposte dalla Banca Tesoriera scelta dalla PA e assorbite dalla PA
Il cittadino paga in base al PSP e allo strumento che sceglie (Conto corrente, carta di credito, altro). In alcuni casi commissioni pari a 0 quando si paga con addebito in conto (es. Banca Intesa, Banco di Napoli, CR Veneto, altre). Sulla carta di credito grazie alla tecnologia di pagoPA i costi di commissione sono ottimizzati

POSTE tramite bollettino postale [1]
1,10 – 1,50 Euro
1,10 – 1,50 Euro
Da notare che, a fronte della medesima commissione, con pagoPA il tributo potrebbe costare meno perché la PA ha minori costi di gestione dell’incasso
Sisal [1]
2 Euro
2 Euro

Lottomatica [1]
2 Euro
2 Euro

Banca 5 (ITB) [1]
2 Euro
1,70 Euro (in promozione fino a data da definirsi)

PayPAL
Non sempre disponibile
In base al tipo di carta o al tipo di conto. Condizioni di favore per pagoPA

GDO (Supermercati) [1]
In base alla catena
In base alla catena

F24
Gratuito per il cittadino se usa l’Home Banking (le commissioni vengono assorbite dallo stato). Commissioni variabili se pagato a sportello bancario
ND

Pagamento presso sportelli fisici della PA
Contante o carta di credito. La commissione dipende dall’accordo di tesoreria e viene assorbito dalla PA
A breve disponibili attraverso POS fisici integrati con pagamento tramite carta di credito
Bollo auto, stretta per gli evasori
Argomenti: bollo auto economia tasse