Category: EVENTI


 

 

 

 

È il più grande monolito roccioso d’Europa, con un volume di oltre mezzo milione di metri cubi, sceso a valle a causa di un grosso franamento dalla Valle di Preda (la “Préda” è il toponimo locale). È stato “conquistato” per la prima volta dai pastori che incisero faticosamente una scalinata di pietra sul lato Ovest che, ancora oggi, rappresenta la via più semplice per salire alla sommità.
Alto 50 metri e con quattro pareti percorse da decine di vie di arrampicata, è accerchiato da altri grandi massi alti fino a 20 metri: Lo Scivolo, La Torcia, Il Sasso dell’Ano, Il Sasso minato, Goldrake e tanti altri, anch’essi attrezzati per la pratica dell’arrampicata sportiva.
Attualmente è una delle palestre naturali più famose d’Italia, immersa in un pregevole connubio di vegetazione, prati e roccia, con punte di frequentazione che raggiungono le 200 persone ogni weekend. Ma tranquilli, il Sasso Remenno e i suoi compagni offrono ampio spazio per tutti e per tutte le tipologie d’arrampicata, dal III grado fino agli strapiombi dei massi che sfiorano il 9a.

Val Tartano, oltre il Ponte nel Cielo
Un weekend tra relax e natura nel verde delle Orobie Valtellinesi

 

Il Ponte nel cielo, la passerella ad oltre 140 metri di altezza, ha promosso al grande pubblico la Val Tartano che, complice anche la conformazione di valle sospesa e quindi “nascosta”, è stata per anni poco conosciuta, e da pochi esplorata. Ma la valle orobica ha molto da offrire, con circa 200 chilometri di sentieri ed esperienze per tutti.

 

SENTIERO DEI PONTI
Ponte nel Cielo, Ponte della Pèscia, Ponte della Corna, Ponte di Vicima, Ponte dil Sirti.
Un nome più adeguato non c’è per un sentiero che attraversa 5 ponti, ognuno con una storia, una funzione, un’architettura; vie di collegamento tra maggenghi (i cui toponimi originano dagli alberi che li delimitano, come Frasnìi, dal latino fraxinus, in italiano frassino), contrade ancora abitate, boschi di latifoglie e radure con baite e ruderi.
Il percorso di circa 2 ore e 30 minuti, con un dislivello di 400 metri, è adatto a tutti, indicato con i cartelli e i segnavia bianco-rossi (prestare attenzione nel tratto tra la località Corna e il ponte della Corna perché scivoloso).

 

 

 

 


ITINERARIO
Il sentiero è già indicato a Campo Tartano, da un cartello in legno con la scritta gialla, e inizia dove il Ponte nel Cielo collega CampoTartano con la località Frasnìi (Frasnino), una radura a 1063 m con un chiosco, un bivacco sempre aperto ed un capanno per il birdwatching (è possibile raggiungere Frasnìi anche seguendo il sentiero 163 in direzione diga di Colombera).

L’itinerario percorre un tratto di un’antica via per gli alpeggi sino a superare Faìi (1227 m slm), e, poco dopo, al bivio, segue il sentiero di destra e raggiunge il ponte in legno della Pèscia. Lì, più in alto, ci sono le costruzioni in sasso di Masunàscia (1366 m slm).
Il maggengo Fòop, a quota 1368 metri, è a circa 20 minuti di cammino. Il passaggio è tra le baite, una – in particolare – è un esempio di costruzione lignea blockbau.
Il tracciato giunge ad un altro incrocio: inizia sulla sinistra la discesa per la località Corna, o Barciòk (1170 m slm). La mano di abili valligiani ha intagliato un tronco per raccogliere la sorgente de Aqua déla Ram, un’acqua ferruginosa.
sorgente Aqua déla Ram 

È poco distante, ma è bene un’attenzione in più perché il terreno è spesso scivoloso, il terzo ponte del percorso: il Ponte della Corna, sospeso tra le rocce ed ancorato con funi in acciaio.
ponte della Corna
Previous
Next

La salita ricomincia per raggiungere, poco sotto la Strada Provinciale 11, la mulattiera, collegamento tra Tartano e Campo Tartano fino agli anni ’60, che prosegue con il tratto più suggestivo e, per chi oriundo e nato nella prima metà del ‘900, ricco di ricordi: il ponte di Vicima (1115 m slm) con la galleria, costruito nel 1933 e percorso sino al 1969, quando è stato realizzato il più moderno viadotto. «Questo robusto manufatto, lanciato tra rocce dirupate […] mi pare assuma un significato particolare: è il superamento rivoluzionario di una concezione della vita, di una cultura, il rifiuto netto di una situazione umana», così scriveva Don Antonio Cerfoglia in La Val Tartano.
foto dalla galleria con vista verso chiesa di Tartano
Previous
Next

Il percorso, raggiunta la carrabile continua verso la contrada Cosaggio con la mulattiera che raggiunge la contrada Ronco ed il quinto ed ultimo ponte, detto dil Sirti.
Gli ultimi metri per il ritorno a Campo Tartano sono da percorrere sulla SP 11.
Esperienza YOGA
Inspira. Espira. La montagna, quieta, è il luogo ideale per riposare e rigenerare corpo e mente, con la natura come compagna.

L’Albergo Gran Baita (www.albergogranbaita.com), in Via Castino al civico 7, una struttura in tipica architettura montana, ospita in primavera ed in autunno (su richiesta) corsi e seminari di yoga, organizzati da maestri accreditati.
Le lezioni, su decisione degli insegnanti, sono aperte a tutti oppure dedicate ai propri allievi.
La struttura, con gli interni in abete chiaro e ampie finestre, ha 2 locali appositi per la pratica e propone ai partecipanti un menù vegetariano.E per chi privilegia il gusto, ci sono i piatti della tradizione, come la polenta, che nei weekend dal 26 ottobre al primo dicembre sarà protagonista della rassegna “Delizie di Polenta”.

Gli ingredienti per un weekend di relax sono pochi e semplici, come la natura ed il proprio corpo, in simbiosi, ed è possibile, così, ritrovare un equilibrio a poca distanza da Morbegno, in Val Tartano.

 

 

                                                         Cevo, 29 dicembre 2018

                         Concerto di Natale 2018 svolto nella frazione di Cevo il 29 dicembre 2018

                        Coro Alpi Retiche.

Nasce a Civo (SO) il 03 Febbraio 1996 su iniziativa di un gruppo di persone amanti del bel canto.
“ALPI RETICHE” perchè così si chiama la catena montuosa che circonda i luoghi dove ha sede il coro sin dalla sua fondazione.
Il coro, composto da 30 coristi provenienti  da 8 comuni diversi, è in costante crescita sia musicale che numerica ed esegue canti di montagna, popolari e religiosi ed è diretto dal maestro Gioele Peruzzi dall’ottobre 2015.
Ha all’attivo diverse esibizioni, sia in provincia di Sondrio che fuori provincia.
Il momento sicuramente pi significativo è stata l’esibizione ala cattedra di S. Pietro a Roma i  occasione del Giubileo 2000.
In provincia, oltre i concerti abitualmente in calendario, è stato più volte invitato dalla sezione ANA Valtellinese in occasioni di importanza Nazionale, come il rientro delle truppe alpine dall’ Afganistan, l’apertura dei campionati Italiani di sci alpinismo ed il raduno del 2^ raggruppamento Alpini.
Nell’aprile2017e nel maggio 2018 ha partecipato alla manifestazione internazionale FAKS SINGS – INTERNATIONAL CHORAL FESTIVAL in Croazia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

              Concerto di Natale

Il Comune di Civo invita a partecipare al concerto di Natale che si svolgerà presso la Chiesa Parrocchiale di Cevo
con la partecipazione del “Coro Alpi Retiche” Sabato 29 dicembre alle ore 20,30

All.to manifesto cliccare su: manifesto concerto

CANTINE 2018

Anche quest’anno si è svolta la tradizionale festa delle cantine a Morbegno. La nota cantina “MAGIA” ancora una volta “PRESIDIATA” dall’associazione Alpini della costiera dei Ceck. Grazie ai visi noti che si sono alternati nei loro compiti, che, con il loro entusiasmo e senso di responsabilità hanno contribuito alla riuscita dando un tocco di originalità al luogo della manifestazione.

 

 
                                                         Manifestazioni corali all’interno della cantina “Magìa”

 

 

 

L’attento Sommellier ha descritto con profonda professionalità le proprietà benefiche del vino.

(Attendere alcuni secondi per la riproduzione del filmato)

 

FESTA OVER 65

Il Giorno 11 Agosto 2018 presso il campo sportivo di Cevo si è svolta la seconda edizione OVER 65 con un notevole numero di partecipanti.
Si è avuta l’impressione di assistere ad una meravigliosa girandola di persone piene di verve che comunicano, nonostante la non più giovane età, il loro rigoglioso approccio alla vita.
Vederli colloquiare, ridere, scherzare, cantare a squarcia gola, danno modo di far rivivere i loro tempi migliori, riportandoli alle reale vita dei giorni d’oggi.
Si può affermare che questa descritta terza età sia una vivace e scanzonata interpretazione della vita.

 

Morbegno in cantine 2016
il sommellier sta illustrando le qualità di vini della cantina “Magia” presieduta dall’associazione Alpini di Civo

Morbegno in cantine 2016
Magnifica giornata all’edizione Morbegno in cantine presso la cantina “Magia”presieduta dall’ Associazione Alpini di CIvo.

dscn0351

 dscn0352 dscn0353 dscn0354 dscn0355 dscn0356 dscn0357 dscn0358 dscn0359 dscn0360 dscn0361 dscn0362 dscn0363 dscn0364 dscn0365 dscn0366 dscn0367 dscn0368 dscn0369 dscn0372 dscn0373 dscn0374 dscn0375 dscn0376dscn0377  dscn0378Morbegno in cantine 2016
Magnifica giornata all’edizione Morbegno in cantine presso la cantina “Magia”presieduta dall’ Associazione Alpini di CIvo.

Manifestazione cantine di Mello 2016.

gustosando-2016

Itinerari di gustosando Dazio – Caspano in programma 8 e 9 ottobre 2016

Acquista il tuo pass ONLINE scontato del 10%
entro domenica 18 Settembre

La Festa d’Autunno dai Mille Sapori

Incastonata tra le Alpi Orobie e le Alpi Retiche, la Valtellina offre un paesaggio di rara bellezza a poco più di un’ora di auto da Milano.

Un luogo dove tradizione enologica e culinaria si sposano ad un territorio che ancora oggi conserva inalterati il proprio folclore, i borghi antichi e le espressioni artistiche.

Morbegno in Cantina è la manifestazione che vi guida alla scoperta dei sapori tipici della Valtellina e insieme vi porta indietro nel tempo, tra le mura delle antiche cantine del centro storico cittadino, tra dimore nobiliari e chiese pluricentenarie, in un dedalo di strette vie dove passeggiare senza fretta, con un calice di vino in mano.

Nato più di vent’anni fa da un’idea di tre morbegnesi, il “giro delle cantine” ha travalicato i propri confini e rappresenta oggi uno degli eventi di maggiore rilievo della stagione autunnale della provincia di Sondrio.

Per quattro fine settimana consecutivi – dal 24 settembre al 16 ottobre – potrete gustare le eccellenze della tradizione enogastronomica valtellinese nell’atmosfera unica delle antiche cantine di uno dei borghi più affascinanti della regione, dove il tempo sembra essersi fermato. Questo è Morbegno in Cantina, “l’originale” da oltre vent’anni.

Itinerario ORO24

Sabato 24 Settembre
Domenica 25 Settembre

All’interno di Palazzo Malacrida, sei isole di degustazione dove sperimentare la miglior produzione vinicola e gastronomica valtellinese, in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier con la presenza dei produttori. Il pass dà diritto a due degustazioni per postazione.

Itinerario GIALLO

Sabato 24 Settembre, 1-8-15 Ottobre
Domenica 25 Settembre, 2-9-16 Ottobre

Un percorso in otto cantine con una selezione di DOC, DOCG e grandi rossi di Valtellina in degustazione, curata dall’Associazione Italiana Sommelier. Il pass dà diritto ad una sola degustazione per cantina.

Itinerario ROSSO

Sabato 24 Settembre, 1-8 Ottobre
Domenica 25 Settembre, 2-9 Ottobre

Un percorso in otto cantine con una ricercata selezione di etichette tra DOCG, Riserve e Sforzati di Valtellina in degustazione, curata dall’Associazione Italiana Sommelier. Il pass dà diritto ad una sola degustazione per cantina.

Itinerario ORO

Sabato 1-8 Ottobre
Domenica 2-9 Ottobre

Una degustazione di bianchi, Riserve e Sforzati di Valtellina, curata dall’Associazione Italiana Sommelier nella prestigiosa cornice di Palazzo Malacrida. In abbinamento, stuzzicanti assaggi di piatti tipici della tradizione

Itinerario VERDE

Sabato 1-8 Ottobre
Domenica 2-9 Ottobre

Un percorso in otto cantine con una selezione di DOC, DOCG e grandi rossi di Valtellina in degustazione, curata dall’Associazione Italiana Sommelier. Il pass dà diritto ad una sola degustazione per cantina.

Itinerario CHEESE&WINE

Sabato 15 Ottobre
Domenica 16 Ottobre

All’interno dell’itinerario Rosso, un percorso speciale realizzato in concomitanza della 109esima Mostra del Bitto, in quattro cantine del percorso saranno allestite speciali installazioni e si potranno sperimentare degustazioni guidate di produzioni speciali di Bitto e Casera, con la presenza di un assaggiatore dell’Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggi (ONAF).